Di radici, di musica e di poeti (11 novembre 2011)

In questo 11 novembre 2011, un giorno segnato in rosso dalla Cabala e in nero dagli odierni Nostradamus, noi zibaldoniani ce ne siamo fregati altamente e abbiamo pensato bene di dedicare l’intera puntata alla musica italiana. Ma non la musica che siete soliti ascoltare nelle radio commerciali: tutt’altro. Ci siamo addentrati nel folk, nel rock, nella canzone d’autore, nella sperimentazione musicale. Per dare un’occhiata a quello che ci siamo lasciati alle spalle e per vedere cosa ci aspetta dietro la collina. Non potevamo non cominciare con un piccolo tributo a due mostri sacri della canzone d’autore mondiale, vivi e vegeti e che continuano a lottare insieme a noi: Bob Dylan e Leonard Cohen. Il primo che ha compiuto quest’anno settant’anni e che in questi giorni è in tournée in Italia in compagnia di Mark Knopfler; il secondo che di anni ne ha ormai 77, come le gambe delle donne, e che ha annunciato un’altra serie di concerti europei per l’anno venturo.

Ma in questo viaggio nella musica italiana (e non solo) abbiamo voluto avere le spalle coperte. E come compagni di viaggio ci siamo scelti due meravigliosi ed attivissimi artisti italiani residenti da qualche tempo qui a Barcellona: Tonj Acquaviva e Natacha Tanzilli. Fondatore nel 1979 degli Agricantus, Tonj porta avanti da oltre tre decenni una interessantissima ricerca musicale elettro-trans-world. L’interesse per le musiche del mondo da un punto di vista tribale e da un punto di vista meditativo si unisce nella produzione musicale di Tonj all’interesse per l’elettronica digitale e per i campionatori. Il risultato è una serie di prodotti di altissima qualità, a cominciare dagli album usciti con il nome Agricantus, come Tuareg, premiato nel 1996 con la Targa Tenco. Ma la traiettoria di Tonj non si è limitata solo al progetto Agricantus: nel 1994 ha iniziato una collaborazione con l’artista visivo Emilio Leofreddi e qualche anno più tardi con la fotografa canadese Sheila McKinnon, mentre nel 1998 ha dato vita al progetto Weltlabyrinth con la poliedrica cantante Rosie Wiederkehr. Collaborazioni che continuano tuttora e che dimostrano il grande interesse di Tonj per la transdisciplinarietà artistica. Un campo che ha visto e che vede protagonista anche Natacha Tanzilli che lavora da tempo alla commistione tra il filmato e l’animazione. E proprio grazie a questa comune ricerca è nato Millenium Klima, un album che dimostra l’estrema ricchezza della musica e le molte possibilità date dalla fusione tra arti visive e musica. Se volete saperne di più sui progetti di Tonj Acquaviva e di Natacha Tanzilli, date un’occhiata qui.Con l’accompagnamento delle musiche prodotte da Tonj Acquaviva ci siamo spostati sulla riviera ligure, e più precisamente a San Remo, dove tra il 10 e il 12 novembre si è tenuta la XXXVI edizione del Premio Tenco. In un anno complicato per quanto riguarda fondi e finanziamenti, la storica “Rassegna della Canzone d’Autore” è stata denominata eccezionalmente “Robe di Amilcare”, in ricordo del centenario della nascita del leggendario fondatore del club Tenco, Amilcare Rambaldi. Della storia di questa mitica rassegna e dell’edizione di quest’anno, presentata da Antonio Silva, ce ne hanno parlato Serena e Fabrizio, accompagnati dalla musica di chi, più o meno recentemente, ne ha fatto la storia, come George Brassens, Franco Battiato, Vinicio Capossela, Peppe Voltarelli, Enzo Avitabile e Paolo Benvegnù. E per chiudere, tra le raccomandazioni storiche che il Professor Enrique Tierno Galván fece ai madrileni all’epoca della movida, un pezzo piuttosto funky in una lingua tutta inventata. E non stiamo parlando dei Sigur Ros. È qualcosa di completamente diverso. E che siamo certi che tutti conoscete. E che molto probabilmente avete anche ballato… buon ascolto!

Play
Esta entrada fue publicada en General. Guarda el enlace permanente.

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *

*