Perché il Sud è rimasto indietro? (E tanta buona musica) (14 marzo 2014)

Il menù di questo venerdì è stato il seguente:

– intervista con Emanuele Felice, professore di storia economica all’Universitat Autònoma di Barcellona, che ci ha presentato Perché il Sud è rimasto indietro (Il Mulino, 2013). L’Italia è divisa in due: Pil pro capite, condizioni di vita, diritti sociali, Copertinalibertà civili dicono che il Mezzogiorno rimane arretrato rispetto all’Italia e all’Europa. Perché? Alcune spiegazioni parlano addirittura di una diversità genetica dei meridionali, o risalgono alla monarchia normanna; altre puntano il dito contro il Nord colpevole di aver sfruttato un Sud che prima dell’Unità sarebbe stato florido e avanzato; o chiamano in causa una sfavorevole collocazione geografica. Secondo Emanuele Felice, sono state le classi dirigenti meridionali a ritardare lo sviluppo, dirottando le risorse verso la rendita più che verso gli usi produttivi. Al Sud occorre dunque modificare la società, spezzando le catene socio-istituzionali che la condannano all’arretratezza. Il libro si presenterà alla Libreria Italiana Le Nuvole di Barcellona (C/Sant Lluis, 11 – metro Joanic) il prossimo mercoledì 19 marzo alle 19.00.

– sguardo sui concerti di queste settimane del Festival Cose di Amilcare e del Festival Massimo Priviero Foto Matteo Manfredi BarnaSants. Ci siamo ascoltati Lune di Miele di Lu Colombo (dal disco Molto più di un buon motivo. Joaquín Sabina tradotto in italiano da Sergio Secondiano Sacchi), che suonerà giovedì 27 marzo alle 20.30 alla sala Tinta Roja, El Viajero di Alberto Alcalá (dal suo nuovo disco Ensayo y Error), che suonerà sabato 20 marzo alle 21.00 alla sala Luz de Gas e Tu Perfume di Rossana Taddei (dal penultimo disco Bandalegre) che suonerà giovedì 20 marzo alle 21.00 alla sala Luz de Gas. E ci siamo ascoltati anche altri quattro artisti che hanno Alberto Alcalasuonato in diverse sale di Barcellona giovedì 13 marzo: Massimo Priviero con Bacio d’addio (dal suo nuovo disco Ali di Libertà) nell’ambito del Festival Cose di Amilcare, Fernando Lobo con Al Anochecer (da Encrucijada) nell’ambito del Festival BarnaSants, Alessio Arena con Vocca e Rummore tratta dal suo nuovo album, presentato a la 2 de Apolo, Bestiari(o) Familiar(e), concerto al quale ha partecipato anche Hugo Arán, di cui è uscito proprio la scorsa settimana il nuovo disco, Anuario, da cui ci siamo ascoltati Fea. E ancora: vi abbiamo presentato anche l’ultimo disco di Cece Giannotti, imagesAprès Minuit, un bellissimo omaggio a J.J. Cale, presentato lo scorso 7 marzo all’interno del Festival BarnaSants. E per chiudere con lo sguardo con i concerti dei prossimi giorni, abbiamo chiuso con gli Hobocombo che suoneranno insieme a King of the Opera venerdì 21 marzo all’interno di Be My Guest a La 2 de Apolo. Degli Hocombo ci siamo ascoltati Desert Boogaloo (dal nuovo disco Moondog Mask).

– nuove uscite musicali coming from Italy: Lorenzo Fragiacomo & The Butterfly Collectors Destino Adriatico (EP autoprodotto, 2013) con Can You Hear Me?; NordgardenRoberta Cartisano L’ultimo cuore (Broken Toys, 2013) con L’era delle torri; Violacida Storie mancate (Rock Contest Records, 2013) con Giusy (molla la droga).

–  Último Trago: Nordgarden Non è la California (Dieci, GDN Records, 2013)

 

Play
Esta entrada fue publicada en General y etiquetada , , , , , , , , , , , , , , , . Guarda el enlace permanente.

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *

*