Con Michele Ferrero e Daniela Fiorentino (27 gennaio 2017)

Il menù di Zibaldone di questo venerdì è stato il seguente:

– Instancabile agitatore culturale della scena genovese, Michele Ferrero, detto “il Michele_Ferrero-H150306105428rimasto”, è anche un compagno di onde libere con l’ormai mitico progetto di Radio Rimasto. Tra le tante cose, organizza anche Balcony TV in quel di Genova. Di tutto questo e di molto altro ne ha parlato insieme a noi, mentre ci ha proposto alcuni brani di artisti della scena underground italiana e non solo, come Bosio (Non so più bene da quando), Gipsy Rufina (Merchants of Silver), Koonda Hola (I came to this country) e Itaca (Velocità). Per conoscere il mondo de “il rimasto”, entrate qui.

Daniela Fiorentino si mette sempre in gioco. Dal teatro alla canzone, dal cinema alla radio, dove ha collaborato per anni con Fiorello ai primi tempi di “Viva Radio 2”. Porta la sua Napoli nel cuore, come dimostra il suo nuovo disco, French Girl, che ci ha presentato a Zibaldone: dieci canzoni della tradizione napoletana interpretate in francese. Vi abbiamo proposto Funiculaire Daniela Fiorentinofuniculaire, Je t’attends à Sorrente, Le petit pecheur e Sérénade par dépit. Dal suo precedente progetto, uno spettacolo dedicato a Edith Piaf, ci siamo ascoltati La foule. Per saperne di più cliccate qui.

– Nuove uscite musicali: Antonio AgnelloVecchia biro (Isola Tobia, 2017) con Mestieri in estinzione e Infiniti petali; The Honeymoon Killers Les tueurs de la lune de miel (Crammed, 2016) con Flat, Route Nationale 7 e Laisse Tomber Les Filles.

Le ultimissime di Fausto

– Bruno, il comico serio, in tournée con l’amico Donald HoneyMoon

– Il radiodramma cinese di Johnny, la voce che ammalia

Ritorna incredibilmente anche la signora Gina, più agguerrita che mai

Último tragoElio e le Storie Tese Ritmo sbilenco (in attesa del concerto che gli Elio daranno a Barcellona il prossimo 15 marzo alla sala Razzmatazz)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Play
Esta entrada fue publicada en General y etiquetada , , , , , , , . Guarda el enlace permanente.

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *

*