Da Livorno in là. Un omaggio a Piero Ciampi (1 novembre 2019)

Piero Ciampi è uno dei grandi cantautori italiani. Il Club Tenco di Sanremo gli ha dedicato un disco molto particolare, pubblicato in occasione della Rassegna dello scorso mese di ottobre e contenuto nella rivista Il Cantautore. Si tratta di un omaggio internazionale. Il titolo? Da Livorno in là. Un’estensione, insomma, delle canzoni di Ciampi dalla sua Livorno natìa ad altre latitudini del globo.

Tutto nacque proprio a Barcellona in occasione del Ciampi International, una serata organizzata nell’aprile del 2017 dall’associazione Cose di Amilcare in cui, oltre a Bobo Rondelli, parteciparono artisti di diverse nazionalità che cantarono nella propria lingua – dallo spagnolo al francese, dal catalano all’inglese fino al greco – alcuni brani di Ciampi. Il progetto si è poi poco a poco ampliato, tanto che nel disco si includono versioni in altri idiomi – dal tedesco al

Piero Ciampi con Amilcare Rambaldi, fondatore del Club Tenco di Sanremo nel 1976.

giapponese o al calabrese –, ma anche due brani strumentali e due chicche in italiano, come In un palazzo di giustizia cantata da Peppe Fonte e Pino Pavone, storico collaboratore di Ciampi, o la canzone che Vittorio De Scalzi ha dedicato al cantautore livornese. Insomma, questo Da Livorno in là è un piccolo gioiello.

La colonna sonora di questa puntata è stata la seguente:

Piero Ciampi (Sul porto di Livorno), Daniele Caldarini (Livorno), Bobo Rondelli (Don Chisciotte), Rusó Sala (Qué frío que hacía), Wayne Scott (No, not you), Luiz Murá & Miramundo (), Dinatatak (Je marcherais), Theodoro Melissinopoulos & DoppiaCorda (O Oinos), Peppe Voltarelli & Carlo Doneddu (Ti fazz videre io chine sugno), Noriko Tojo (Shoujo to Heishi), Enric Hernàez (La meva dona), Pino Pavone & Peppe Fonte (In un palazzo di giustizia), Desirée García & Miramundo (Niño mio), Bocephus King (Christmas on the 24th), Niko Wagenknecht (Der Spieler), Vittorio De Scalzi (Tra poco è giorno), Giglioca Cinquetti (Necesito verte e Ich muss immer an dich denken), Alessandro D’Alessandro (Sul porto di Livorno), Piero Ciampi (Dario di Livorno).

Play
Esta entrada fue publicada en General y etiquetada , , , , , , . Guarda el enlace permanente.

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *

*