La canzone d’autore oggi in Italia (VI): Marco Rovelli e Canio Loguercio (5 febbraio 2021)

Sesta tappa del nostro viaggio per capire che canzone d’autore si fa oggi in Italia. Abbiamo incontrato Marco Rovelli e Canio Loguercio.

Portami al confine (Squilibri, 2020) è l’ultimo disco di Marco Rovelli & l’Innominabile, un album elettrico con un sound potente che dà una trama unica a canzoni con strutture diverse, animando per molti versi un concept album dedicato al confine, il tema fondamentale del mondo contemporaneo. Il confine, va da sé, è quello politico che separa gli “Stati” e che i cittadini del mondo, quelli che hanno come patria il mondo intero, cercano a buon diritto di valicare senza posa. Ma il confine è anche quello dei rapporti personali, dei rapporti d’amore, dove il confine è mobile, dove è in perpetuo messo in questione. Il confine, infine, è quello della morte, che non bisogna temere, maledicendo chi la infligge, e benedicendo la vita. Ci siamo ascoltati Beckett, Tempo rubato, La domenica della vita e Al confine.

– A tre anni di distanza da Canti, ballate e ipocondrie d’ammore (Targa Tenco come miglior album in dialetto), Canio Loguercio ritorna con un progetto del tutto nuovo, sottraendosi alle confortevoli liturgie delle riconferme per continuare a muoversi al di fuori da ogni schema, seguendo il filo di una fertile quanto cangiante ispirazione. Ci stiamo preparando al meglio (Squilibri, 2020) è un disco intimo e nostalgico, ma proiettato in avanti, oltre il baratro che minaccia di inghiottirci. E se in questo presente altro non resta che prepararsi al meglio, forse conviene farlo in buona compagnia come quella che popola questo disco, da Andrea Satta a Badara Seck, da Flo a Monica Demuru, da Giovanna Famulari a Brunella Selo. Vi abbiamo proposto In un punto lontano, Incontro, Tienimi forte le mani e Mia cara madre.

– News che ci arrivano dall’Italia e da altre latitudini: Bocephus King (One More Trobadour e So Gentle and Angelic She Appears), Nylon (Una casa per Spazio), Alex Boschetti (Fuori da me).

A volte ritornano: la clinica cinese maoista privata sul lastrico. Puntata straordinaria da Wuhan.

– Le Ultimissime di Fausto

Último trago: Giovanni Vargiu, Anonymous

Esta entrada fue publicada en General y etiquetada , , , , , , , , , , , . Guarda el enlace permanente.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *

*