Con Anita Zengeza e Marisol Brandolini (21 febbraio 2014)

Il menù di questo venerdì è stato il seguente:

– intervista con Elena Marisol Brandolini, giornalista e scrittrice, autrice del libro Morire di non lavoro (Ediesse, 2013, che avevamo presentato lo scorso autunno), Tren de la Libertadcorrispondente dalla Spagna per l’Unità e altre testate italiane. Con Marisol abbiamo parlato della legge anti-aborto proposta dal ministro popolare Ruiz Gallardón e fortemente voluta dalla destra e dalla Conferenza episcopale spagnola e delle iniziative portate avanti dalle donne spagnole – come il Tren de la libertad – per sensibilizzare l’opinione pubblica e bloccare questa legge che porterebbe la Spagna indietro di tre decenni.

– intervista con Anita Zengeza, cantautrice originaria dello Zimbabwe. Anita, che era già venuta a farci visita un paio d’anni fa , ci ha presentato il suo nuovo disco omonimo, in cui canta sia in inglese sia in spagnolo. Molte sono le influenze della sua musica, che si muove tra la canzone d’autore, la world music e la bossa nova, e di cui ci ha dato prova Anita Zengezacon una piccola live session dove ci ha suonato Far Away e Hace Dos Meses. Dal disco, prodotto dalla Whataboutmusic di Dave Bianchi, ci siamo ascoltati anche Amor Anónimo e I Gave You My Song. Per saperne di più su Anita Zengeza, cliccate qui.

– sguardo sui concerti di queste settimane del Festival Cose di Amilcare e del Festival BarnaSants. Ci siamo ascoltati Claudio Sanfilippo con Ester (dall’album Fotosensibile, 2008), Pascal Comelade & Pau Riba con Taxista (dall’album Mosques de colors, 2013) e Juan Carlos “Flaco” Biondini insieme a Francesco Guccini con SciroccoComelade_Riba

– nuove uscite musicali coming from Italy: Tenedle Vulcano (NML, 2014) con La stella popolare e Pow wow; Giuliano Clerico La diva del cinemino (autoproduzione, 2013) con Via col diavolo; La Metralli Qualche grammo di gravità (A Buzz Supreme, 2013) con Cesarina l’incendiaria e Cantico dei viaggiatori; Rude & The Lickshots Preso de tu amor (One Step Records/Mad Butcher Records, 2013).

Repressione Today con il Banzo: lo sgombero del centro sociale occupato La Carboneria (19 febbraio), nel quartiere di Sant Antoni, e gli scontri nella manifestazione di protesta, convocata la sera stessa. Carboneria

– Bruno nel deserto di Atacama…

–  Último Trago: I Plebei Africa (Eterna è la tensione di clavicole, ingranaggi e leve, autoprodotto, 2012)

Ci ha accompagnato anche la musica di Samantha De Siena (The Game).

Play
Esta entrada fue publicada en General y etiquetada , , , , , , , , . Guarda el enlace permanente.

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *

*