Five years. Con Peppe Voltarelli (4 marzo 2016)

Il menù di Zibaldone di questo venerdì è stato il seguente:

– oggi festeggiamo i cinque anni della nuova gestione del nostro Zibaldone! Il zibaldoneprogramma era nato nell’autunno del 1997 su idea dall’amico Roberto Fenocchio, che lo ha condotto fino all’inizio del 2011. Da quel momento siamo entrati noi… per celebrare questo primo lustro abbiamo voluto iniziare la puntata con Five Years di David Bowie.

– ritorna a trovarci, a cinque anni di distanza, il mitico Peppe Voltarelli. Cantautore, musicista, scrittore, attore, poeta e… irrefrenabile trotamundos! A Barcellona per presentare il suo nuovo disco, Lamentarsi come ipotesi, e il suo ultimo libro, Il caciocavallo di bronzo. Romanzo suonato e cantato, Peppe ci ha fatto viaggiare con la mente e con il cuore, tra la sua Calabria, l’Argentina, la Germania e il Quebec, alcune delle tappe dei suoi frequenti tour in giro per il mondo. Durante la chiacchierata, ci siamo ascoltati Qui non succede mai niente e Lamentarsi come ipotesi Peppe(dal suo nuovo disco), Il monumento nella versione remix di DJ Grissino con la partecipazione de La Musaranga, Gli anarchici (da Ultima notte a Malá Strana), Turismo in quantità (da Distratto ma però), Gigì e la cover di Dio come ti amo (dal bootleg live Duisburg Nantes Praga del 2008).

– abbiamo presentato la seconda edizione del Bianca d’Aponte International, spettacolo dedicato a Bianca d’Aponte e alla poesia al femminile organizzato da Cose di Amilcare e in cui hanno partecipato oltre una dozzina di artisti di diverse nazionalità. Tra questi, Peppe Voltarelli. Ma anche molti altri. Di alcuni vi abbiamo proposto alcuni brani, come Steven Munar (Morning Sun), Bianca d'Aponte-2Katres (Coiffeur) e Fausto Mesolella (La domenica della vita). Ci siamo sentiti anche una canzone di Bianca d’Aponte interpretata in inglese da Samantha De Siena (Dorothy) contenuta nel disco Estensioni.

– presente l’ergonomico Banzo; Norberto Moravio ci manda i suoi consigli per la rubrica “Cosa fare in questi casi”; Bruno, il comico serio, continua in grande forma, tra Albano, Renzi e gli immancabili frizzi e lazzi; ritorna pure Johnny, la voce che ammalia…

último trago: Roberto KunstlerSenza dire niente 

Per ascoltare e scaricare il podcast schiacciate qui.

Esta entrada fue publicada en General y etiquetada , , , . Guarda el enlace permanente.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *

*