Con Elio e Sighanda (3 marzo 2017)

Il menù di Zibaldone di questo venerdì è stato il seguente:

Elio non ha bisogno di presentazioni. Da tre decenni sulle scene con le Storie Tese e con decine di altri progetti, che spaziano dal teatro al cinema, passando per radio e tv, è senza ombra di dubbio uno dei più importanti artisti della scena italiana. Il prossimo 15 marzo, Elio e le Storie Tese suoneranno per la prima volta a Barcellona, alla sala Razzmatazz, all’interno di un’attesa tournée europea. Di questo e di tante altre cose abbiamo parlato in una lunga intervista proprio con Elio, mentre ci siamo ascoltati Lo stato A lo stato B, Pippero, Pagano e La terra dei cachi. Per maggiori informazioni sulla prossima data barcellonese e per l’acquisto dei biglietti, schiacciate qui.

– Vincitrice del premio Bianca d’Aponte 2016, Sighanda, al secolo Dominique Fidanza, è stata a Barcellona per presentare, all’interno del festival Cose di Amilcare, il suo nuovo disco, Mitofonie. Dopo il concerto al Tinta Roja, è passata anche nei nostri studi per un’intima live session in cui ci ha suonato Ba’al Hamon e Accura. Ma con lei abbiamo chiacchierato di tante cose: della musica, logicamente, ma anche dei viaggi, della vita, delle esperienze passate e dei progetti futuri. Da Mitofonie vi abbiamo proposto anche L’aciddruzzu e Oswiecim. Per saperne di più su Sighanda, cliccate qui.

Piccolo omaggio a Enzo Carella: Malamore e Amara 

Prossimi concerti italiani a Barcellona: Elio e le Storie Tese (Razzmatazz, 15 marzo, 20h30), Daniele Sepe feat. Flo (Jamboree, 24 marzo, 20h00), Dente (Tradicionarius, 25 marzo, 21h30), Salmo (Sala Bikini, 27 marzo, 21h00), Peppe Voltarelli (Tinta Roja, 2 aprile, 19h00), Ciampi International feat. Bobo Rondelli (Tradicionarius, 6 aprile, 21h00), Alessio Arena (Tradicionarius, 6 maggio, 21h30) 

Le ultimissime di Fausto

Último trago omaggio a Leone di Lernia Gaccia ad’avé, Ti si mangiato la banana e Magnando.

Play
Esta entrada fue publicada en General y etiquetada , , , , , . Guarda el enlace permanente.

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *

*