Sognare e lottare: da un giornalino scolastico a Barcellona all’attivismo a Lampedusa (28 maggio 2021)

Ecco qui il menú della puntata dello Zibaldone di questa settimana:

– In tempi in cui si dice che i ragazzi si disinteressano a tutto è una bella dimostrazione del contrario la nascita di un giornalino scolastico. Nato a marzo, dopo un anno di pandemia e restrizioni, De Amaldi è il giornalino – stampato in formato cartaceo e anche consultabile online – degli studenti del liceo italiano di Barcellona. Un’esperienza collettiva che fa ben sperare. Su tante cose. Ce ne parlano Paula, Margherita, Amy e Melania che, insieme ad altri studenti, portano avanti questo progetto. Ci ha accompagnato la musica di Benny Goodman (Sing sing sing), Gianna Nannini (America) e Zucchero (Baila morena).

– Militante politico, agitatore culturale e artista poliedrico di Lampedusa, Giacomo Sferlazzo ha pubblicato Marinmenzu, un’opera multimediale che comprende un libro, un disco, stampe e poster, nella quale sono coinvolti ospiti come Daniele Sepe e Zulu dei 99 Posse. È la descrizione del passato e del presente di Lampedusa in cui Sferlazzo, insieme all’associazione culturale I Figli di Abele, vuole riportare la speranza, il sogno e la vita. Tante sono le cose che sta facendo da anni, ad esempio, nel centro culturale e politico PortoM. Nell’album, tra le tante cose, i messaggi dei migranti prigionieri nelle carceri libiche e la denuncia della perdita d’identità a causa del “boom” turistico. Di tutto questo ne parliamo con Giacomo Sferlazzo. Dal suo disco ci siamo ascoltati Come un mare gravido di sogni, Give me the Oil, Take the Slaves e un frammento di Live in Alivi.

News musicali che ci arrivano dall’Italia: Bobo Rondelli (Sabrina), Avion Travel (Il fiume), Roberto Kunstler (Getterò alle spalle), Iosonouncane (Hiver e Horizon), Buzzy Lao (Fango).

Le Ultimissime di Fausto

Último trago: 99 Posse con Nero su bianco

Esta entrada fue publicada en General y etiquetada , , , , , , , , , , , , , . Guarda el enlace permanente.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *

*