La conquista dei diritti (20 maggio 2022)

Ecco qui il menú della ventiquattresima puntata della stagione 2021/2022 del nostro Zibaldone:

– È possibile trovare un senso nella storia umana? Secondo Emanuele Felice, il significato della storia è rintracciabile nella progressiva estensione dei diritti dell’uomo. A partire dal Settecento, gradualmente, questi si sono ampliati dalle tradizionali libertà civili e politiche ai diritti sociali e ai nuovi diritti ambientali. E del pari si sono ampliati i doveri. Non è stato un percorso lineare, ma un processo reso possibile dall’incontro durante il Novecento di liberalismo e socialismo nella cornice dello Stato democratico. In modo analogo oggi, nel mondo globalizzato, entrambi devono incontrarsi con l’ambientalismo. Ne parliamo con Emanuele Felice, professore ordinario di Economia e Storia economica presso l’università IULM e autore di La conquista dei diritti. Un’idea della storia (Il Mulino, 2022).

– Ritiratosi dalle scene agli inizi degli anni Ottanta, Gianni Siviero ha continuato a scrivere canzoni: oltre duecento brani, pubblicati sul suo sito, in un eccezionale accumulo di bellezza e poesia. Su questo enorme deposito di memorie e testimonianze in musica si è affacciato ora Olden, estraendone dieci pezzi che più sentiva nelle sue corde e dando loro una veste sonora del tutto nuova, grazie alla produzione di Flavio Ferri. Un album che si avvale della partecipazione straordinaria dello stesso Siviero e di Claudia Crabuzza, Rusò Sala, Sighanda e Wayne Scott, a indicare che si tratta di istanze che abbracciano diverse generazioni e più latitudini. Ne parliamo con Davide Sellari, in arte Olden, che ci presenta il suo nuovo disco, Questi anni. Dieci brani inediti di Gianni Siviero, da cui vi abbiamo proposto Non vogliamo capire, Sera di luglio, In cerca di un ragionamento, Questi anni e Che bella luna.

Le Ultimissime di Fausto

Último trago: Fluxus – Nessuno si accorge di niente e Talidomide

Ci ha accompagnato anche la musica di Joe Strummer & The Mescaleros (Willesden to Cricklewood), Billie Holiday (Strange Fruit), Sergio Endrigo (Canzone della libertà), Francesco De Gregori (La storia) e Bob Dylan (Blowing in the Wind).

Esta entrada fue publicada en General y etiquetada , , , , , . Guarda el enlace permanente.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *

*