Trent’anni di Musicultura (15 novembre 2019)

Musicultura è una delle più interessanti realtà dedicate alla canzone esistenti in Italia. Dal 1990, quando fu ideata da Pietro Cesanelli, organizza un festival che si tiene a giugno a Macerata: in trent’anni sono passati da Musicultura tutti i grandi artisti italiani, oltre a molti internazionali, e si è dato voce alle nuove leve della nostra canzone. E in non pochi casi si è permesso a giovani ancora sconosciuti di iniziare una carriera di successo. In questa puntata speciale ne ripercorriamo la storia in compagnia di Ezio Nannipieri, direttore artistico di Musicultura, e Pollio, cantautore milanese, frontman degli Io?Drama e vincitore dell’edizione 2018.

La presenza di Musicultura a Barcellona si deve all’organizzazione di CantoItaliano, una serata dedicata alla storia della canzone italiana che vedrà la partecipazione di Alessio Arena e Pollio.
Lo spettacolo, che si terrà questo sabato 16 novembre alle 20.00 alla Casa degli
Italiani di Barcellona
(Pasaje Méndez Vigo, 8), vuole anche essere l’incontro tra il Club Tenco di Sanremo e Musicultura. Non a caso, Arena e Pollio sono stati entrambi vincitori negli anni scorsi di Musicultura e hanno partecipato a diverse iniziative del Club Tenco e Cose di Amilcare.

La colonna sonora di questa puntata è stata la seguente:

Max Manfredi (La fiera della Maddalena), Gian Maria Testa (Un aeroplano a vela), Addosso agli scalini (Vento di sud), Amalia Grè (Io cammino di notte da sola), Pacifico (Le mie parole), Simone Cristicchi (Studentessa universitaria), Mannarino (Il bar della rabbia), Roberta Giallo (Cinque schiaffi e una carezza), Alessio Arena (Tutto quello che so sui satelliti di Urano), La rappresentante di lista (La rappresentante di lista), Francesca Perrotta (Il grido), Mirkoeilcane (Per fortuna), Daniela Pes (Ca milla dia dì), Pollio (Generico), Lo straniero (Quartiere italiano).

Ovviamente, non sono mancate Le Ultimissime di Fausto.

Play
Esta entrada fue publicada en General y etiquetada , , , , , , , . Guarda el enlace permanente.

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *

*