Cento giorni di Giorgia (20 gennaio 2022)

Lo scorso 22 ottobre si è formato il governo più a destra della storia dell’Italia repubblicana. Che cosa ha fatto in questi primi 100 giorni l’esecutivo presieduto da Giorgia Meloni? Quali sono le sue priorità? Come si sta muovendo in politica estera? La maggioranza è solida? Durerà questo governo? Si percepiscono cambiamenti nel paese? Ne abbiamo parlato con Francesco Olivo, giornalista de La Stampa, e Leonardo Bianchi, news editor di Vice Italia ed autore di La gente. Viaggio nell’Italia del risentimento (2017) e Complotti (2021).

– Mentre in Italia l’ultradestra entrava nei palazzi, in Brasile Lula batteva Bolsonaro e il primo gennaio ritornava alla presidenza del paese. Le turbe bolsonariste, però, copiavano Q-Shaman e distruggevano le istituzioni democratiche a Brasilia in un tentativo di golpe, fortunamente senza successo. In appoggio a Lula abbiamo deciso di accompagnare la nostra puntata con musica brasiliana: Caetano Veloso (O Império Da Lei), Chico Buarque e Milton Nascimento (O Que Será), Nara Leão (Maria Moita), IZA e Caetano Veloso (Divino maravilhoso), Os Mutantes e Caetano Veloso (A Voz do Morto), Tuze de Abreu (Gaiola Invisível).

Le Ultimissime di Fausto

I libri dello Zibaldone: Valerio Mattioli, “Superonda. Storia segreta della musica italiana”, Milano, Baldini+Castoldi, 2016.

De Italia a otra parte: Salvador Escamilla canta Giorgio Gaber: “Una idea”, e “El shampoo” (1976)

Último trago: Joe Strummer – The Road To Rock ‘N’ Roll

Esta entrada fue publicada en General y etiquetada , , , , , , , , , , , . Guarda el enlace permanente.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *

*