Io credevo. Le canzoni di Gianni Siviero (5 giugno 2020)

Gianni Siviero è uno dei grandi cantautori italiani. Partecipò alle prime edizioni

Roberto Vecchioni, Francesco Guccini, Gianni Siviero e Amilcare Rambaldi al Premio Tenco del 1974

del Premio Tenco insieme a Guccini e Vecchioni. Alla fine degli anni Settanta, dopo tre album apprezzati e premiati dalla critica, intrisi di una poetica riconoscibilissima e di un forte impegno politico e sociale, decise di abbondanare le scene. “Quando uno non ha più nulla da dire è meglio che si ritiri”, ci ha raccontato con la sua consueta schiettezza, figlia di un rigore morale più unico che raro.

Io credevo. Le canzoni di Gianni Siviero, un bellissimo disco pubblicato dalla Squilibri Editore, racconta e omaggia questo cantautore troppo a lungo ingiustamente dimenticato. In realtà non è un semplice album-omaggio: si tratta di un doppio CD-book con le splendide creazioni artistiche di Marco Nereo Rotelli, curato da Sergio

Gianni Siviero (fotografia di Renzo Chiesa)

Secondiano Sacchi, in cui 39 cantautori di diverse generazioni – dai coetanei Vecchioni, Bertelli, Bassignano e Locasciulli ai più giovani Cammariere, Voltarelli, Ghielmetti, Crabuzza e Lega – interpretano le canzoni di Siviero. Non si tratta solo dei brani editi negli anni Settanta, ma anche di molte canzoni inedite perché Siviero ha continuato a scrivere canzoni e lo fa ancora adesso.

Ci accompagnano in questa puntata speciale Gianni Siviero, Sergio Secondiano Sacchi, curatore del progetto e responsabile artistico del Club Tenco di Sanremo, e alcuni dei cantautori che hanno partecipato a Io credevo (Alessio Lega, Peppe Voltarelli, Olden, Sestomarelli, Alessio Arena e Domenico Imperato).

Questa la scaletta:

Gianni Siviero (Rientro), Roberto Vecchioni (Non ha importanza), Gualtiero Bertelli (L’altana), Ernesto Bassignano (Io vi racconterò), Sergio Cammariere (Sconosciuti), Gigliola Cinquetti (Periferia), Cece Giannotti (Routine blues), Marta y Micó (¿Por qué, amor mío?), Canio Lo Guercio (A est il cielo è nero), Gianni Siviero (Giancarlo e gli altri), Luca Ghielmetti (A Oriente), Simona Colonna (Gli impossibili sogni), Vittorio De Scalzi (Tra poco è giorno), Alessio Lega (Non mi scrivere più), Peppe Voltarelli (Che faccio qui), Olden (Che bella luna), Sestomarelli (Un treno), Domenico Imperato (Il posto dei compleanni), Alessio Arena (‘A fantasia), Gianni Siviero (Lo sbaglio di tornare).

Esta entrada fue publicada en General y etiquetada , , , , , , , , , , , . Guarda el enlace permanente.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *

*