Guccini a Barcellona – le registrazioni del concerto (20 maggio 2016)

Lo scorso 13 febbraio Francesco Guccini è stato a Barcellona per una serata organizzata da Cose di Amilcare, in compagnia di Sergio Staino e Carlo Petrini, e di sette artisti di Guccini_Foto_Stefano_Buonamicidiverse nazionalità per un omaggio internazionale a uno dei più grandi cantautori italiani.

Dopo aver dedicato, nelle settimane previe a quello spettacolo, due speciali qui a Zibaldone sulla carriera artistica di Guccini (le puntate del 29 gennaio e del 5 febbraio), questo venerdì vi offriamo le registrazioni dell’omaggio barcellonese al maestro.

Sul palco del Centre Artesà Tradicionarius di Gracia sono saliti Juan Carlos Flaco Biondini (Scirocco in spagnolo), Miquel Pujadó (E un altro giorno è andato in catalano), Roger Mas (Canzone per un’amica in catalano), TroffaHamra (E tornò la primavera in maltese), Rusó Sala e Caterinangela Fadda (L’osteria dei poeti in Comes_Flaco_Foto_Buonamicicatalano), Tamar McLeod Sinclair (Ti ricordi quei giorni in maori) e Sílvia Comes (Amerigo in spagnolo e La locomotiva in catalano).

Abbiamo intervallato queste versioni di canzoni di Guccini con altri brani del maestro: versioni alternative, live o poco conosciute di sue canzoni (Eskimo, 100, Pennsylvenia Avenue, L’antisociale, L’avvelenata rap) e collaborazioni o brani di altri cantati da Guccini (Gerardo Nuvola e’ povere con Enzo Avitabile, Luci a San Siro di Roberto Vecchioni, Lontano lontano di Luigi Tenco). Tutti tratti dalla recente maxi raccolta Se avessi previsto tutto questo. La strada, gli amici, le canzoni.

Buon ascolto!

Play
Publicado en General | Etiquetado , , , , , , , , , | Deja un comentario

Tra politica, blues e ragazze che mordono cani (13 maggio 2016)

Il menù di Zibaldone di questo venerdì è stato il seguente:

– la Spagna torna al voto il prossimo 26 giugno dopo 6 mesi di impasse con una novità:

spagna-elezioni

spagna-elezioni

la coalizione tra Podemos e Izquierda Unida, che potrebbe superare il PSOE. Ne parliamo con Elena Marisol Brandolini, corrispondente dalla Spagna de Il Fatto Quotidiano.

– torna a trovarci Flavio Ferri, accompagnato da Fabrizio Rossetti, per presentarci il suo nuovo progetto musicale, che esce proprio oggi: Girls Bite Dogs. Otto cantanti di nazionalità diverse in un disco, Gret Quit Ironing, prodotto a Barcellona. Ci siamo ascoltati in anteprima: Subway Map, Qi Pa Kuang Xiang Qu, Over 13147333_961151333980417_2872471100967437697_oRated, Ozono e The Code.

– il Mojo Station Blues Festival è una delle realtà musicali più interessanti della scena blues in Italia. A fine maggio, a Roma, si terrà la dodicesima edizione. Ne parliamo con l’ideatore di questo festival, Gianluca Diana. E per accompagnare la chiacchierata ci ascoltiamo Luther Dickinson con Bang Bang Lulu e Samba Touré con Toure Idjé Bibi. Per maggiori informazioni, date un’occhiata qui.

– Nuove uscite musicali: Duo Bucolicomojo-festCosmicomio (La Fabbrica, 2016) con Amo i politici e L’astronave dell’amore; Saluti da Saturno Shaloma Locomotiva (Labotron, 2015) con Baciami tanto e Io vorrei non vorrei ma se vuoi.

Bruno, il comico serio, è alla frutta; è ancora con noi Johnny, la voce che ammalia, e il suo radio dramma cinese…

Último trago – speciale Primavera Sound 2016 con due band italiane che parteciperanno a questa edizione del più famoso festival musicale di Barcellona: i C+C=Maxigross con Moon Boots e Matilde Davoli con Tell Me What You See.

Play
Publicado en General | Etiquetado , , , , , , , , , , , , | Deja un comentario

Quanto pesa una “manta”? (6 maggio 2016)

Il menù di Zibaldone di questo venerdì è stato il seguente:

– Nell’ultimo anno tante sono state le immagini delle Ramblas invase dai venditori sindicatoambulanti, un fenomeno che in spagnolo si definisce top-manta. Qualche mese fa è nato il Sindicato Popular de Vendedores Ambulantes. La storia di alcuni ragazzi africani che lottano per i loro diritti e per una vita più dignitosa in un’Europa che è sempre più una “fortezza” l’hanno raccontata un gruppo di film makers nel documentario El peso de la manta. È con noi una dei registi, Francesca Romana Degl’Innocenti, che ci parla di questo e di altri progetti della Otoxo Productions. 1393433269_Neil-Young

– Piccolo omaggio a Neil Young: Walk On (da On The Beach, 1974), Come On Baby Let’s Go Downtown (da Tonight’sThe Night, 1975) e Lotta Love (da Comes a Time, 1976)

– Nuove uscite musicali: Roberto De BastianiRisvolti (autoprodotto, 2016) con Canzoni un po’ in francese, La ballata del cereghino e Maadeggiu; Stefano Saletti In Search of Homerus (Materiali Sonori, 2015) con Helen e Juno; CortexMi sento indie (Radio Coop/Irma Records, 2016) con Bblues e Capitano tutte a me; Juju Juju (De Ambula Press, 2016) con Samael e We Spit On Yer Gravemi-sento-indie-cortex

Bruno, il comico serio, se ne va di nuovo per una fantomatica tournée; è ancora con noi Johnny, la voce che ammalia, e il suo radio dramma cinese…

Último trago: Marazzita Energia Cinetica (dal nuovo album, Formule, La Fame Dischi, 2016)

 

Play
Publicado en General | Etiquetado , , , , , , , , | Deja un comentario

Da Sesto San Giovanni all’Ecuador (29 aprile 2016)

Il menù di Zibaldone di questo venerdì è stato il seguente:

– tornano a trovarci i Sestomarelli (foto di Josep Tomàs), band di urban folk di Sesto San Giovanni. A Barcellona per presentare all’interno del festival Cose di Amilcare il loro Sestomarelliultimo disco, Possibilmente, la band guidata da Roberto Carminati e Alex Aliprandi trova il tempo anche di fare un salto nei nostri studi. Rock, folk, poesia, musica e uno sguardo politico sulla società in cui viviamo. Ci siamo ascoltati Io fumo, Caro Mimì (niente di personale), Il direttore generale (e signora), La dittatura degli inutili e Il peso.

– in collegamento dall’Ecuador abbiamo avuto Matteo Manfredi, professore di storia e archivistica presso l’Università Simon Bolivar di Quito, che ci ha dato una testimonianza diretta della situazione che sta vivendo il paese andino dopo il terremoto di due Terremotosettimane fa.

– ritroviamo anche il cantautore e poeta sardo Samuele Arba che ci parla del suo ultimo libro di poesie Los trágicos hechos (Silva Editorial, 2016), uscito in occasione di Sant Jordi. Ci siamo ascoltati anche due brani da Por encima de las palabras, il suo ultimo album: La herencia e Vols un tros del meu cos?

– Nuove uscite musicali: C+C=MaxigrossFluttarn (La Famosa Etichetta SamueleArbaTrovarobato/Vaggimal Records, 2015) con Est 1973; Krano Requiescat in Plavem (Maple Deat Records, 2016) con Vergine de Luce; Mongolia Mix Volumen 3 (2015) con Ilegales (Revuelta juvenil en Mongolia) e The Flying Burrito Brothers (Lazy days).

Bruno, il comico serio, se ne va di nuovo per una fantomatica tournée; è ancora con noi Johnny, la voce che ammalia, e il suo radio dramma cinese…

Último trago: Paolo Baldini June (dal nuovo album, “DubFiles at Song Embassy, Papine, Kingston 6”, La Tempesta Dub, 2016)

Ci ha accompagnato anche la musica di Bob Dylan (New Morning), Gonzalo Benítez (El aguacate) e Max Gazzè (La vita com’è).

Play
Publicado en General | Etiquetado , , , , , , , | Deja un comentario

Con Joan Isaac (22 aprile 2016)

Il menù di Zibaldone di questo venerdì è stato il seguente:

– Torna a trovarci dopo quasi quattro anni con un nuovo disco, Joies italianes i altres meravelles (Picap, 2015): un omaggio alla musica e alla canzone d’autore italiana. IsaacParliamo di Joan Isaac, cantautore catalano con 40 anni di carriera alle spalle e da sempre molto legato all’Italia. In questo album canta in catalano canzoni di Samuele Bersani, Lucio Dalla, Fabrizio De André, Vinicio Capossela, Francesco De Gregori, Ivano Fossati, Tosca. Duetta con Giorgio Conte e Eugenio Finardi (che cantano in catalano). E con tanti altri amici, come Joan Manuel Serrat, Sílvio Rodríguez, Luis Eduardo Aute, Luis Pastor, Maria del Mar Bonet, Sílvia Comes, Roger Mas e Enric Hernàez. Un disco collettivo, un disco che è un vero gioiello. Joies_italianes

– Ritorna il collegamento mensile con i nostri compagni di onde around the world. Ricky Russo da New York ci propone i Ramones e Sturgill Simpson con In Bloom, mentre Berardo Staglianò dal Lussemburgo (Sentieri Sonori – Radio Ara) ci propone due novità tutte italiane: il nuovo disco di Krano con Mi e ti e Motta con La fine dei vent’anni.

– Nuove uscite musicali: Barro feat. Serena Altavilla con Vai anticipazione del nuovo disco Miocardio (A Buzz Supreme, 2016); Massimiliano Larocca Un mistero di sogni avverati (Brutture Moderne, 2016) con Batte Botta; Mitici Gorgi Chiamerò un taxi (Millesei Dischi, 2016) con La mamma di maialekrano-800x800

– ritorna Bruno, il comico serio, sempre più spocchioso; è ancora con noi Johnny, la voce che ammalia

Nonno Rap: un artista sul viale del tramonto…

Último trago: Giorgia del Mese Nuova visione (dal nuovo album, Nuove emozioni post-ideologiche, Radici music, 2016)

Ci ha accompagnato anche la musica di Sinead O’Connor feat. Prince (Nothing Compares To You).

Per ascoltare e scaricare il podcast schiacciate qui.

Publicado en General | Etiquetado , , , , , | Deja un comentario

Con Matteo Fiorino (8 aprile 2016)

Il menù di Zibaldone di questo venerdì è stato il seguente:

– Cantautore, marinaio e cuoco. Queste sono alcune delle cose che fa nella vita Matteo Fiorino, spezzino che da qualche tempo si è installato a Roma. A Barcellona per Fiorinopartecipare al Festival Cose di Amilcare, Fiorino, nel mezzo di una chiacchierata che ha attraversato tutto il Mediterraneo, ci ha presentato il suo primo lavoro discografico, Il masochismo provoca dipendenza (Frivola Records, 2015), da cui ci siamo ascoltati Stornello dell’interfaccia, Senso di colpa e Mauro. Dal vivo, accompagnato dalla sua chitarra, ci ha proposto anche Borghesia napoletana e L’esca per le acciughe. Abbiamo approfittato della sua presenza in studio per parlare anche della Frivola Records e conoscere altri due artisti che hanno appena pubblicato con questa giovane etichetta italiana: Igor Pitturi (con Niente dentro) e Filippo Dr. Panico (Capirai, capirei). Per saperne di più della Frivola Records, date un’occhiata qui.

Italia – Catalogna: così vicine, così lontane: Joan Isaac (feat. Roger Mas con Via Minadel Campo (di Fabrizio de André); Lluís Olivares con Sense fi (di Gino Paoli); Mina con Se’n va anar (di Salomé e Raimon). Ci siamo mantenuti negli anni Sessanta con altre due versioni catalane di brani di successo: Els Picapedrers con Ajuda’m (ossia, Help dei Beatles) e Els Corbs con L’última vegada (ossia The Last Time dei Rolling Stones).

– News che ci arrivano dall’Italia e non solo: Honeybird and the Monas – WM (, 2016) con Under the Moonlight; Doc Scanlon’s Cool Cat Combo Crazy! (autoprodotto, 2015) con You’re Driving Me CrazyGato-Barbieri-Merceditas-Bolivia

Bruno, il comico serio, ritorna ad infastidirci in diretta e Johnny, la voce che ammalia, è sempre con noi…

último trago: Marco Santoro Pazzo di professione (dal nuovo EP La piccola bottega di Khaloud)

Ci ha accompagnato anche la musica di Gato Barbieri (Fiesta) e Vinicius Cantuaria (India).

Per ascoltare e scaricare il podcast schiacciate qui.

Publicado en General | Etiquetado , , , , , | Deja un comentario

Jazz e fascismo (1 aprile 2016)

Il menù di Zibaldone di questo venerdì è stato il seguente:

– piccolo omaggio a Gianmaria Testa, che ci ha lasciato lo scorso 30 marzo. Ci siamo gianmaria_testa_blascoltati Preferisco così e Lasciami andare.

– Nei primi anni Venti il jazz sbarca in Italia. A Venezia, Cole Porter organizza feste. A Viareggio, la borghesia italiana se ne innamora. Nascono i primi club di jazz a Milano, Torino e Padova. I grandi film di Hollywood esportano la musica sincopata che spopola a New York e Chicago. Parigi era una festa, come scriverà Hemingway. La Chiesa tuona contro questi ritmi peccaminosi. E il regime di Mussolini? Li accetterà controvoglia, poi li censurerà e infine li italianizzerà, riuscendoci solo parzialmente. Ne parliamo con Camilla Poesio, ricercatrice presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia. Ci ha accompagnato la musica del Trio Lescano (Tulilem Blem Blu con l’Orchestra Barzizza, Segui il ritmo con Enzo Aita, Maramao perché sei morto con Maria Jottini, C’è trio-lescano-5_f33un’orchestra sincopata), Ivie Anderson (All Gods Chillum Got Rhytm), Alberto Rabagliati (Quando canta Rabagliati) e Gorni Kramer (Crapa pelada, Pippo non lo sa, Armstrong suona).

– News che ci arrivano dall’Italia: L’Orchestrina di Molto Agevole – Gran Ballo in Bellezza (La Tempesta Dischi, 2015) con Baciatevi nel Tango e Disperata.

Bruno, il comico serio, in tournée a Buenos Aires, tra milonghe e tango; Johnny, la voce che ammalia, è sempre con noi…

último trago: Enzo Jannacci a tre anni dalla sua scomparsa con Quelli che…

Ci ha accompagnato anche la musica di Sílvio Rodríguez (Fusil contra fusil), Townes Van Zandt (Waiting ‘Round to Die), Fred Neil (Everybody’s Talkin’) e Iggy Pop (Sunday).

Per ascoltare e scaricare il podcast schiacciate qui.

Publicado en General | Etiquetado , , , , , , , , | Deja un comentario

Con DuoTrio e Jenny Penny Full (25 marzo 2016)

Il menù di Zibaldone di questo venerdì è stato il seguente:

– torna a trovarci Carlo Doneddu, cantautore e compositore sardo. Era già stato da noi 2016_duotrioqualche tempo fa per presentarci il suo ultimo disco, Le canzoni dell’estate. Questa volta ci parla di un nuovo progetto, DuoTrio, che lo vede al fianco della cantante sarda Vanessa Bissiri, voce dei Dinatatak. Un progetto che sarà presentato in concerto a Barcellona il prossimo 31 marzo, alle 20h30, alla sala Tinta Roja nell’ambito del Festival Cose di Amilcare. Ci siamo ascoltati Táctica y estrategia, A pique, Gelsomino, Anche se c’è sempre il mare e, in anteprima, dal nuovo disco dei Dinatatak, Miranda e Francesca.

– i Jenny Penny Full sono una delle realtà musicali più interessanti provenienti da Verona. Dalla musica suonata nelle strade a una proposta che unisce l’elettronica alla canzone. Abbiamo avuto in collegamento telefonico dall’Italia, Giovanni e Luigi, membri della band. Saranno presto a Barcellona (10 aprile) in una tournée che li porterà a zonzo Jenny_Penny_Fullper tutta la Spagna. Dal loro ultimo disco ci siamo sentiti Far Continents e Aloud dove collaborano anche i C+C=Maxigross. Per maggiori informazioni, cliccate qui.

– News che ci arrivano urbi et orbi: Los Hermanos Cubero – Arte y Orgullo (Registros Cordaineros, 2016) con Fabricando buenos tiempos, Trabajando en la MCA e Levántate; Rumba de Bodas – Karnaval Fou (Autoprodotto, 2014) con Sweet Crazy Sunshine e Jamska; Manuel Volpe and The Rabdomatic Orchestra Albore (Agogo Records, 2016) con Nostril; Io e la Tigre Il 10 e il 9 (Garrincha Dischi, 2015) HERMANOS-CUBERO-2016-2con Lui sta sognando.

Bruno, il comico serio, rimane anche questa settimana chiuso fuori dal portone; Johnny, la voce che ammalia, è sempre con noi…

último trago: Les Jeaux Sont Funk Trouble No More dal nuovo album Erasing Rock (Irma Records, 2016).

Per ascoltare e scaricare il podcast schiacciate qui.

Publicado en General | Etiquetado , , , , , , , , , | Deja un comentario

Con Alessio Arena e Enrico Acciai (18 marzo 2016)

Il menù di Zibaldone di questo venerdì è stato il seguente:

– torna a trovarci Alessio Arena, cantautore, musicista e scrittore. Era stato da noi nel novembre del 2014 per parlarci del suo libro La letteratura Tamil a Napoli. Ora ci Alessio_Arenapresenta il suo nuovo disco, La secreta danza, uscito all’inizio di febbraio. Canzoni in spagnolo e in catalano. Ed una anche in italiano, Lorenzo, che ci ha proposto dal vivo nei nostri studi accompagnato dalla sua chitarra. La poetica di Alessio arriva al cuore con ricordi, speranze e immagini della vita di un artista napoletano trapiantato da parecchi anni in Spagna. Dal suo disco ci siamo ascoltati De mí a Madrid, La realitat vista por un artista, Últims segons del cometa Halley (con Guillem Roma) e Agosto, ¿dónde estabas? Per saperne di più di Alessio Arena, cliccate qui.

– Molti furono gli italiani che vennero in Spagna per difendere la Repubblica e per lottare contro il fascismo. Tutti volontari. Tra di loro anche tanti anarchici e libertari, come poum_sede555Camillo Berneri. Molti arrivarono a Barcellona nell’estate del 1936, poche settimane dopo il fallito tentativo di colpo di stato dei generali, e parteciparono ai combattimenti al fronte con la Colonna Ascaso. Ne parliamo insieme allo storico Enrico Acciai, in occasione dell’uscita del suo libro Antifascismo, volontariato e guerra civile in Spagna. La sezione italiana della Colonna Ascaso (Milano, Unicopli, 2016). Per accompagnare la chiacchierata vi abbiamo proposto Addio Lugano bella nella versione di Giorgio Gaber, Enzo Jannacci, Lino Toffolo, Otello Profazio e Silverio Pisu e Ballata dell’emigrazione de Les Anarchistes.

– speciale dedicato ai concerti di artisti italiani a Barcellona: da Daniele Sepe (concerto Daniele_Sepetenutosi lo scorso 17 marzo nel ciclo JamborItalia) di cui ci siamo ascoltati Sofa e Out on the Tiles (dal suo ultimo disco A note spiegate, 2015) a Max Gazzè (7 maggio, Sala Bikini) con Teresa, passando per DuoTrio (31 marzo, sala Tinta Roja) con Dança da Solidao e Matteo Fiorino (7 aprile, sala Tinta Roja) con L’esca per le acciughe.

– News che ci arrivano urbi et orbi: Iggy Pop con Magnolia (dal nuovo disco Post Pop Depression, 2016)

– presente l’ergonomico Banzo; Bruno, il comico serio, rimane ancora chiuso fuori dal portone; ritorna pure Johnny, la voce che ammalia…

último trago: Finaz In the Sunshine dal nuovo album Marzo (2016).

Per ascoltare e scaricare il podcast schiacciate qui.

Publicado en General | Etiquetado , , , , , , , , , , | Deja un comentario

Tra politica spagnola e jazz (11 marzo 2016)

Il menù di Zibaldone di questo venerdì è stato il seguente:

– La Spagna vive un’impasse politica inedita. Le elezioni dello scorso 20 dicembre Congresohanno segnato l’inizio di una nuova tappa, ma nessuno riesce per ora a formare governo. Nuove elezioni alle porte? Ne abbiamo parlato insieme a due attente osservatrici italiane della politica e della società catalana: Elena Marisol Brandolini, giornalista, collaboratrice de “Il Fatto Quotidiano”, e Paola Lo Cascio, storica dell’ICS dell’Università di Lisbona e del Centre d’Estudis Històrics Internacionals (CEHI) di Barcellona.

Marco Boi è un compositore e contrabassista sardo residente da tempo a Barcellona. Marco_BoiHa da poco registrato un nuovo disco con il suo quintetto, il Marco Boi Quintett, che uscirà presto, in formato vinile, per Discos Redondos. E per poterlo fare, ha lanciato un crowdfunding. Marco ce ne ha parlato a Zibaldone e, in anteprima, ci ha fatto sentire parte di questo disco. Per saperne di più e per partecipare al crowdfunding, cliccate qui.

– Nuove uscite musicali: Bobo Rondelli canta Piero Ciampi (Picicca/The Cage/Sony Music, 2016) con Il vino, Adius, Livorno e Il natale è il 24 (nella versione di Bobo BoboRondelliRondelli) e Andare camminare lavorare e 40 soldati 40 sorelle (nelle versioni originali di Piero Ciampi); General Stratocuster and the Marshals Dirty Boulevard (Black Candy Records, 2016) con Thank you Bob; The Orange Beach Amateurs (Autoprodotto, 2015) con Black Suv.

– continuiamo a trovarci in studio l’ignoto Johnny, la voce che ammalia, mentre Bruno, il comico serio, non riesce a farsi aprire la porta…

Último trago: Livia Ferri A Good Day to Die (dal nuovo album A Path Made By Walking).

Per ascoltare e scaricare il podcast schiacciate qui.

Publicado en General | Etiquetado , , , , , , , , , , | Deja un comentario

Five years. Con Peppe Voltarelli (4 marzo 2016)

Il menù di Zibaldone di questo venerdì è stato il seguente:

– oggi festeggiamo i cinque anni della nuova gestione del nostro Zibaldone! Il zibaldoneprogramma era nato nell’autunno del 1997 su idea dall’amico Roberto Fenocchio, che lo ha condotto fino all’inizio del 2011. Da quel momento siamo entrati noi… per celebrare questo primo lustro abbiamo voluto iniziare la puntata con Five Years di David Bowie.

– ritorna a trovarci, a cinque anni di distanza, il mitico Peppe Voltarelli. Cantautore, musicista, scrittore, attore, poeta e… irrefrenabile trotamundos! A Barcellona per presentare il suo nuovo disco, Lamentarsi come ipotesi, e il suo ultimo libro, Il caciocavallo di bronzo. Romanzo suonato e cantato, Peppe ci ha fatto viaggiare con la mente e con il cuore, tra la sua Calabria, l’Argentina, la Germania e il Quebec, alcune delle tappe dei suoi frequenti tour in giro per il mondo. Durante la chiacchierata, ci siamo ascoltati Qui non succede mai niente e Lamentarsi come ipotesi Peppe(dal suo nuovo disco), Il monumento nella versione remix di DJ Grissino con la partecipazione de La Musaranga, Gli anarchici (da Ultima notte a Malá Strana), Turismo in quantità (da Distratto ma però), Gigì e la cover di Dio come ti amo (dal bootleg live Duisburg Nantes Praga del 2008).

– abbiamo presentato la seconda edizione del Bianca d’Aponte International, spettacolo dedicato a Bianca d’Aponte e alla poesia al femminile organizzato da Cose di Amilcare e in cui hanno partecipato oltre una dozzina di artisti di diverse nazionalità. Tra questi, Peppe Voltarelli. Ma anche molti altri. Di alcuni vi abbiamo proposto alcuni brani, come Steven Munar (Morning Sun), Bianca d'Aponte-2Katres (Coiffeur) e Fausto Mesolella (La domenica della vita). Ci siamo sentiti anche una canzone di Bianca d’Aponte interpretata in inglese da Samantha De Siena (Dorothy) contenuta nel disco Estensioni.

– presente l’ergonomico Banzo; Norberto Moravio ci manda i suoi consigli per la rubrica “Cosa fare in questi casi”; Bruno, il comico serio, continua in grande forma, tra Albano, Renzi e gli immancabili frizzi e lazzi; ritorna pure Johnny, la voce che ammalia…

último trago: Roberto KunstlerSenza dire niente 

Per ascoltare e scaricare il podcast schiacciate qui.

Publicado en General | Etiquetado , , , | Deja un comentario

Di jazz e anarchia (26 febbraio 2016)

Il menù di Zibaldone di questo venerdì è stato il seguente:

Uda Labur Hori in basco significa Aquel Corto Verano. Ed è il titolo del nuovo disco di Juan De Diego, uno dei migliori trombettisti attivi da oltre due decenni a Barcellona. Uda Labur HoriAccompagnato da Dani Pérez e Joe Smith, Juan ci porta in un viaggio popolato da ricordi, persone, amici, jazz e anarchia. Il titolo del disco, infatti, recupera il libro di Hans Magnus Enzensberger El corto verano de la anarquía. Vida y muerte de Durruti. Ma c’è molto altro. La figura di Claude Breuer, gli studi sullo spiritualismo anarchico di Gerard Horta, il cinema, la vita di quartiere in una Barcellona gentrificata… questo video lo spiega molto bene. Juan era già stato a Zibaldone nel luglio del 2012  per presentarci il suo precedente disco. Da Uda Labur Hori, vi abbiamo proposto La banda del Poble Nou, Una noche con Claude, El hombre que perdió la forma, la Anarcosuite durruti-01(Aquel corto verano, Espíritus obreros e Pulverizar) e Cromlech. Per saperne di più date un’occhiata qui e andate a sentire ogni giovedì Juan De Diego accompagnato da altri incredibili jazzisti a El Foro (C/Princesa 53, nel Born).

– Sarà una primavera di concerti e spettacoli italiani a Barcellona. Oltre alla programmazione del festival Cose di Amilcare, infatti, tra aprile e maggio faranno tappa nella Ciudad Condal anche Aldo, Giovanni e Giacomo con uno spettacolo per celebrare i loro 25 anni (30 aprile, Casino Aliança Poble Nou), Max Gazzè con la tournée europea per il suo nuovo disco Maximilian (7 maggio, Sala Bikini) e i Verdena con il loro nuovo album EndKadenz (12 maggio, Sala Razz 3). È venuto a parlarcene AldoGiovanniGiacomoAugusto Casciani di ItaliaES. Per maggiori informazioni e per l’acquisto dei biglietti, entrate qui.

Ci siamo ascoltati La vita com’è di Max Gazzè, Fuoco amico dei Verdena e il mitico sketch Ajeje Brazorf e il controllore di Aldo, Giovanni e Giacomo.

– ritorna la Tg suite di David Riondino: mese di novembre, mese di guerra.

– presente l’ergonomico Banzo; Norberto Moravio ci manda i suoi consigli per la rubrica “Cosa fare in questi casi”; Bruno, il comico serio, rispolvera i ricordi delle sevizie in orfanotrofio praticate dalle suore ungheresi e delle fughe insieme al giovane Renzi; david-riondino-tg-suitenovembreappare anche un nuovo strano personaggio, Johnny, la voce che ammalia…

Ci ha accompagnato anche la musica di Peppe Voltarelli (Sta città), de Il Parto delle Nuvole Pesanti (Onda Calabra), di Piero Pesce e le Questioni Meridionali Folk (Mi votu e mi rivotu) e di The Raveonettes (Love in a Trashcan).

Per ascoltare e scaricare il podcast schiacciate qui.

Publicado en General | Etiquetado , , , , , , , , | Deja un comentario

Panico e musica in Italia (19 febbraio 2016)

Il menù di Zibaldone di questo venerdì è stato il seguente:

– Musicista, performer, cantautore. Un personaggio tutto da scoprire. Parliamo di Filippo Dr. Panico che abbiamo avuto in collegamento con noi dall’Italia. Tra un aneddotto e Filippo-Dr.-Panico_Tu-sei-pazza_recensione_music-coast-to-coastuna riflessione, Filippo ci ha presentato il suo nuovo disco, appena uscito, Tu sei pazza (Frivola Records, 2016). Ci siamo ascoltati Se bruciasse la città, Tu sei pazza e Ogni volta che te ne vai.

– Ritorna il collegamento mensile con i nostri compagni di onde around the world. Ricky Russo dagli States (Radio Nuova York) ci propone i Montefiori Cocktails con Crazy Beat e Protomartyr con Doop Cloud, mentre Berardo Staglianò dal Lussemburgo (Sentieri Sonori – Radio Ara) ci propone due novità tutte italiane: il nuovo disco di Sorge con Nuccini e Lucio Leoni con A me miMontefioriCocktail

– Nuove uscite musicali: The RideoutsHeart and Soul (Autoprodotto, 2016) con Not Enough; Flame Parade As Above As Belove (Materiali Sonori, 2015) con Berlin; DAP Resonances (Toto Sound Records, 2015) con Stand Back; Buddha SuperOverDriveNuovi cannibali (Autoprodotto, 2016) con Tutto da rifare; Masai Le quarte volte (GreenFog Records, 2016) con Huxley e Silvio; Ronin / Uyuni con Shared Track #1 dal disco collettivo Area51/Split_Ep#1 (Area51 Records, 2015) EarthWindandFire

– ritorna il Banzo, ci chiama Norberto Moravio, mentre Bruno, il comico serio, è sempre immerso nei suoi frizzi e lazzi… 

Último trago: Frei feat. Di Martino Le Macchine (dal nuovo album, Evolution, 2016)

Ci ha accompagnato anche la musica degli Eart Wind & Fire (September).

Per ascoltare e scaricare il podcast schiacciate qui.

Publicado en General | Etiquetado , , , , , , , , , , | Deja un comentario

Di memoria, jazz e post-fotografia (12 febbraio 2016)

Il menù di Zibaldone di questo venerdì è stato il seguente:

–  Memorias. Tracce di una guerra civile, è un progetto del film-maker toscano MemoriasFrancesco Corsi. La storia di tre antifascisti di Colle Val d’Elsa – Leo Franci, Orazio Marchi e Giordano Bruno Giachi – che vennero in Spagna per difendere la Repubblica e opporsi al fascismo. La storia delle Brigate Internazionali, la memoria di quegli avvenimenti. E anche la canzone d’autore che li ricordò. Ne parliamo con Francesco Corsi. Ci ha accompagnato la musica di Christie Moore, Viva la Quinta Brigada, Francisco Curto, La despedida (Si la bala me da), Arlo Guthrie e Pete Seeger, Jarama Valley. Il documentario si proietterà a Barcellona, presso il Memorial Democratic, il prossimo giovedì 25 febbraio alle 19h00. Per saperne di più, entrate qui.

– A gennaio è iniziato alla sala Jamboree di Barcellona un ciclo dedicato al jazz italiano: Soup StarJamborItalia. Dopo Enrico Rava, nei prossimi mesi passeranno dalla Plaça Reial del capoluogo catalano Gianluca Petrella e Giovanni Guidi (18 febbraio) con il progetto Soup Star, Daniele Sepe Quartet (17 marzo), Francesco Cafiso, Marco Meschida e Yester Bodilsen (13 aprile), Stefano Bollani (31 maggio e 1 giugno). Ne abbiamo parlato con Massimo Di Stefano, direttore di ESound. Per maggiori informazioni, cliccate qui. Ci siamo ascoltati Soup Star (Settimo Blues), Daniele Sepe (Blue Room), Francesco Cafiso (Contemplation) e Stefano Bollani (A voz do morro). Bollani

– Che cosa è la post-fotografia? Ce lo spiega Gabriele Sisti, fotografo romano residente da qualche tempo a Barcellona. È stata inaugurata giovedì scorso, presso l’Istituto Italiano di Cultura di Barcellona, la sua mostra Archivio Quotidiano: 40 immagini dove delle fotografie vengono giustapposte. Un lavoro originale e molto interessante per diverse ragioni. Sono stati in studio con noi anche Diana Di Nuzzo, curatrice della mostra, e Adriano Bonforti, ideatore della piattaforma per la tutela degli artisti Patamu. Ci ha accompagnato la musica di tre artisti Patamu: Mihretu Ghide & Panacea (Zemen), Narassen (Fantasma) ed Erica Romeo (White Fever). Per saperne di più delle fotografie di Gabriele Sisti, date Sistiun’occhiata qui.

– Nuove uscite musicali: GiufàTrinakristan (Autoprodotto, 2015) con Hotel Gipsy; Io e la Tigre Il 10 e il 9 (Garrincha Dischi, 2015) con Io e il mio cane.

– ritorna il Banzo, ci chiama Norberto Moravio, mentre Bruno, il comico serio, non riesce a farsi aprire la porta…

Último trago: Piero Pesce e Questioni Meridionali Folk Tarantula Mutans.

Ci ha accompagnato anche la musica di Juan Carlos “Flaco” Biondini (Años).

Per ascoltare e scaricare il podcast schiacciate qui.

Publicado en General | Etiquetado , , , , , , , , , , , | Deja un comentario

Omaggio a Guccini – seconda parte (5 febbraio 2016)

Il prossimo 13 febbraio Francesco Guccini sarà a Barcellona per una serata organizzata da Cose di Amilcare, in compagnia di Sergio Staino, Carlo Petrini, Guido De Maria e una decina di artisti di diverse nazionalità per un omaggio internazionale a uno dei più Guccini - foto Fabrizio Fenuccigrandi cantautori italiani. Nell’attesa di poter vedere qui a Barcellona il maestro, abbiamo pensato di dedicare anche noi un omaggio in due puntate alla carriera artistica di Guccini. Insieme a Sergio Secondiano Sacchi, anima del Club Tenco di Sanremo e fondatore dell’associazione Cose di Amilcare, intraprendiamo un viaggio nella musica di Francesco, dagli anni sessanta ai giorni nostri. In questa seconda puntata riprendiamo il viaggio dalla metà dagli anni ottanta e arriviamo fino a L’ultima Thule, il disco del 2012 con cui Guccini ha chiuso la sua quarantennale carriera.

Le canzoni che vi abbiamo proposto sono Piccola città, Scirocco, Ti ricordi quei giorni, Canzone delle domande consuete, Canzone per Silvia, Il volo interrotto, Vorrei, Canzone quasi d’amore, Primavera di Praga, Addio, Primavera ’59, La ziatta, Nella jungla, Sulla strada, L’ultima thule, Via dei poeti, La locomotiva.

Per ascoltare e scaricare il podcast schiacciate qui.

(Fotografia di Fabrizio Fenucci)

Publicado en General | Etiquetado , , | Deja un comentario